Per non perdere la bussola della buona tavola tra Campania, Lazio, Abruzzo e Molise, in viaggio verso alcuni luoghi del cuore raccontati su TempioDiVino.

Per non perdere la bussola della buona tavola tra Campania, Lazio, Abruzzo e Molise, in viaggio verso alcuni luoghi del cuore raccontati su TempioDiVino.

Quale migliore augurio per le Festività e per aprire il 2019. I luoghi con rapporto qualità/prezzo eccellenteche valgono il viaggio, per non perdere la bussola della buona tavola, quella vera e concreta, raccontata su tempiodivino nel corso degli ultimi tempi, tra la Campania e regioni vicine che fanno parte del bagaglio culturale e gastronomico del centro Italia, come Abruzzo, Molise e il Lazio.

Si va scorrazzando in alcune località di mare e montagna, città e campagna, tra piatti della buona cucina realizzati da chef competenti, con utilizzo di materie prime stagionali e di qualità, senza mancare l’assaggio del panino gourmet o le proposte di una vineria, ma anche l’altra pizzeria unica nel suo genere in stile 8 spicchi come “l’americana”.

Campania

Locanda De Foris – Teano

Teano, nell’area sidicina dell’Alto Casertano, qui lo chef Pietro Balletta ha intrapreso con Locanda De Foris un percorso di cucina fortemente segnato dalle esperienze e dalle materie, in connubio il mare e la terra esaltati dai sapori agresti dell’area di Roccamonfina, tra vini, funghi e tartufo, nero casertano e agnello, ricci e pescato.

Osteria del Baccalà – Vairano Scalo

Vairano Scalo il primo punto di ancoraggio della famiglia di Antonio Ruggiero e i figli Diego e Mirko (scomparso prematuramente) e signora di casa Maria Lonardo, poi le Osterie satellite di Frosinone e Latina collaborate da altri chef, per la cucina esclusiva dedicata al baccalà, in tutte le sue salse, in carpaccio o fritto, con i paccheri e piennolo o al “fil di ferro” nella sua massima espressione, abbinati insieme ad elementi territoriali della tradizione e vini esclusivi.

Frosinone

Latina

Le Campestre – Castel di Sasso

Il Conciato Romano il primo presidio slow food in provincia di Caserta, il cavallo di battaglia della famiglia Lombardi dal borgo Buonuomini di Castel di Sasso, dalle emozioni e idee lasciate in eredità dal compianto Fabio ora Manuel Lombardi e Eulalia Parillo racchiudono la filosofia dell’agriturismo vero, Osteria d’Italia, un punto fermo della cucina rurale nella nostra terra. Liliana e Franco Lombardi i custodi.

Gasthaus – Baia e Latina

Da Peppe Sollo, anfitrione dell’Alto Casertano a Baia e Latina, insieme alle figlie per trainare questa inusuale location Gasthaus – Alter Keller, qui stile bavarese e sapori mediterranei si incrociano in un’avventura gastronomica di qualità, senza disdegnare la cucina partenopea per rappresentare la sua terra di origine.

Giulio Restaurant – Valle D’Assano

Un esempio di cucina direi educata, quella espressa da Giulio De Biasio che contribuisce nell’Agro Caleno a Valle d’Assano con Giulio Restaurant, da qualche tempo attivo. Pietanze equilibrate e realizzate con valida materia del territorio e pescato dell’area pontina. In sala la signora Alessandra Zona che affianca Giulio in ogni dove.

Boccon Divino – Dragoni

Raffaele Romano in cucina al Boccon Divino da oltre 15 anni, tutta la vita e le esperienze dirette ai sapori veri, concreti, l’area matesina e l’Alto Casertano contribuiscono particolarmente con prodotti locali, in sala e ai dolci Sara Cassella.

Bistrot 26 – Teano

Mario Basco e Diana Iannaccone, dall’espressione viva della Cantina propria I Cacciagalli nasce Bistrot 26 a Teano, insieme alla collaborazione di Florestano Iannaccone, cucina di qualità tratta da elementi fondamentali del territorio in un ambiente giovane dove i vini serviti appartengono all’esclusiva categoria al naturale.

PAM 1870 – Caiazzo

Caiazzo notoriamente indicata per la pizza di qualità, vede in PAM 1870 un luogo del piacere diverso, cucina eccellente ma anche ristobottega con prodotti esclusivi voluta dal patron Daniele Ricca, competente e attento ristoratore. Buone proposte e ricerca delle materie in lungo e in largo. La casa del Pallagrello è qui, non si può mancare.

Public House – Caserta

Quando il panino è gourmet non vi sono dubbi, tra le tante proposte in provincia di Caserta, ma nel cuore del capoluogo a due passi dalla Reggia troviamo Public House con le proposte eccellenti di Ornella Buzzone, competenza e ottimi prodotti abbinati alle varie tipologie che possiamo trovare in carta, stagionalità e qualità.

Ebrius – Piedimonte Matese

Non solo vineria, i pecorini e altre tipologie di formaggi di varie stagionature, i vini importanti e salumi di alta gamma lasciano trapelare l’impegno di Michele Mastrangelo e la fattiva collaborazione di Marina Monte che insieme ad altri componenti della famiglia ripongono tutte le energie in Ebrius, a Piedimonte Matese, valida bottega, ora anche con le carni alla griglia di qualità. Al Matese, un punto fermo.

Amor Mio – Brusciano

Il vulcanico, è il caso di dire, Vincenzo Toppi da Brusciano, il suo Amor Mio guarda il Vesuvio da vicino, in un’area antica che ha rappresentato la Campania Felix con i prodotti della terra, le papaccelle vivono qui e il piennolo si arrampica sul vulcano, ma sono le pietanze di Vincenzo a farsi sentire, con il suo estro compone opere gastronomiche degne di nota.

Anima Mia – Caserta

Maria Rosaria Stellato, new concept di cucina in centro in fondo a via Roma a Caserta con Anima Mia, il mare principalmente la sua passione, innovativa al punto giusto, ma sono le materie la sua vera forza trascinatrice. Ricerca e passione fuori dal comune.

Il Contadino – Vairano Scalo

La cucina rurale di Berardino Lombardo, il “gigante buono”, indiscusso protagonista nell’Alto Casertano con il Contadino poco fuori Vairano lato autostrada. L’arte della cucina tradizionale, vera, dove è l’orto a farla da padrone insieme alle carni con griglia a vista e ai piatti tipici realizzati con maestria.

RuRù – San Gregorio Matese

Il nuovo che avanza alle porte dei monti matesini. RuRù, appena giunto a San Gregorio Matese accende le idee di Davide Gianfrancesco, che rientra nella sua terra con una cucina qualificata tratta da esperienze altoatesine. Ora le materie provengono in particolare da un’area che ben conosciamo, ma non solo.

Villa Chiara Orto e Cucina – Vico Equense

Cucina al top da Fabiana Scarica a Villa Chiara, gioiello gastronomico indiscusso alle porte della Penisola Sorrentina proprio a Vico Equense, fucina di grandi interpreti della cucina mediterranea e terra stellata per eccellenza. Orto e cucina, mare e monti, estro e sincerità, brava Fabiana.

Il Ritrovo dei Golosi – Pignataro Maggiore

Quella di Antimo Romano in provincia di Caserta è l’espressione di una pizza diversa, tipologia c.d. all’americana, 8 spicchi di bontà per rappresentare un prodotto realizzato con esperienza e ricerca negli impasti ed ingredienti, totalmente dissimile ai tipi di pizza tradizionali che ben conosciamo e fortemente radicata in questa zona da oltre 50 anni.

Terrae Motus – Agripub a Caiazzo

L’elogio ai sapori parte proprio da qui, dalle radici e dalla valorizzazione dei prodotti terragni dell’area caiatina e dei Presidi Slow Food casertani, ma non solo, di questo Vincenzo Coppola & Co. ne hanno fatto la loro filosofia di vita da tempo, in questa bella location che è Terrae Motus, un agripub che porta la campagna in pieno centro storico a Caiazzo.

Molise

Locanda Mammi – Agnone

Locanda Mammì. Il segno della qualità indiscussa nell’Alto Molise ad Agnone, da Stefania di Pasquo troviamo uno staff molto motivato, in un ambiente sobrio e adeguato alla montagna. Cucina qualificata e materie di primissima qualità, insieme ai prodotti dell’orto dietro l’angolo, rappresentano quanto di meglio si possa trovare tra queste terre. Osteria Slow Food.

L’Elfo – Capracotta

Una location importante, da poco rinfrescata, qui la cucina di Michele Sozio in viaggio verso sapori antichi pregevoli, la pezzata è un punto fermo insieme agli altri prodotti che racchiudono i sapori molisani in alta quota tra formaggi e carni ovine, uniti ai piatti della tradizione.  

Dentro le Mura – Termoli

Cucina di mare esclusiva che corre dietro al pescato del giorno e locale, per realizzare ricette semplici insieme ai prodotti dell’entroterra orticola. Antonio Terzano sa il fatto suo, competente in materia, nelle pietanze esprime l’essenza dell’Adriatico. Osteria@SlowFood

Trattoria la Conca – Conca Casale

L’Alto Molise in provincia di Isernia, in un luogo dai panorami mozzafiato di sola andata da cui non si dovrebbe più tornare indietro. Conca Casale sparuto presidio di case e abitanti, esprime il tutto in questa Osteria in alta quota unica in zona, sostanza dei sapori tradizionali nei piatti in una cornice naturale.

Abruzzo

Gli Olmi – Villetta Barrea

Donato Di Nunzio, tra i più giovani attori del panorama gastronomico d’Abruzzo, a Villetta Barrea sul lago omonimo, indiscussa meta turistica immersa nel verde di queste montagne. Attenzione e ricerca nei piatti, competenza e qualità agli Olmi, hotel e ristorante. Passioni di famiglia.

Spazio – Rivisondoli

Riprendono proprio in questo periodo gli incontri gastronomici a Spazio Zero di Rivisondoli da parte degli allievi di Niko Romito Formazione, bella cornice per un’esperienza unica, insieme a tanti giovani in corso di formazione al reale di Castel di Sangro che contribuiscono alternandosi alla cucina di Spazio, in modo concreto e con materie eccellenti. Sicuramente da ritornare.

Percorsi di Gusto – L’Aquila

Cucina di qualità e spazio alla pizza gourmet da parte di Marzia Buzzanca, fautrice del ritorno alla speranza della città di L’Aquila. Percorsi di Gusto segna un punto di forza in questo luogo che riprende pian piano la sua originaria collocazione tra i grandi centri abruzzesi. Competenza e passione nelle pietanze, insieme a notevoli vini in abbinamento.

I Tre Frati – Pescocostanzo

Cucina di montagna che raccoglie quanto di meglio esprime la tradizione abruzzese in alta quota. A Pescocostanzo in uno dei borghi più belli d’Italia i Tre Frati esprime l’essenza di questi luoghi vocati alla pastorizia e all’agricoltura, materie prescelte e vini concreti.

Lazio

Da. Ni. – Formia

Danilo Prota e Nica Caputo, cucina e sala, con il mare dentro e la ricerca di etichette di pregio per l’abbinamento ad una cucina di qualità fatta di solo pescato locale proveniente dall’area dell’arcipelago pontino, in una città come Formia forte di tradizione dei piatti marinari, con occhio di riguardo alla cucina partenopea, che vengono proposti con competenza da Danilo. Il nuovo corso del mare a Formia.

Casa Lawrance – Picinisco

In Val Comino a Casa Lawrence dalla famiglia di Loreto Pacitti, custodi indiscussi di bontà e tradizione casearia con formaggi straordinari realizzati con capi di allevamento al pascolo in altura. Un agriturismo dove si respirano aria e sapori d’altri tempi.

Pinturicchio 40 Roma

Sulla via Flaminia quasi arrivati in centro troviamo Pinturicchio 40, all’epoca della visita in cucina con Vincenzo De Cristofano dall’Alto Casertano, ora gestito con grande innovazione e sapienza dallo staff di Edoardo Estatico per una cucina come dire d’autore e con spirito partenopeo. Tappa obbligata a Roma.

Franco D’Amico

Tempiodivino.it – I racconti del gusto V

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *