La Baccaliata III, l’Osteria del Baccalà di Antonio Ruggiero apre a Latina, nell’Agro Pontino.

Si racchiude un triangolo del buono, con l’esclusiva e tipica cucina improntata sul baccalà, dopo Vairano Scalo nell’Alto Casertano e Frosinone, Antonio Ruggiero & family aprono i battenti con la terza Osteria del Baccalà nel centro di Latina, capoluogo dell’Agro Pontino, incastonata tra i Monti Lepini e la riviera laziale.

Ne ha fatto di strada il baccalà per giungere sino a noi, nell’era più recente già i Vichinghi, grandi navigatori provenienti dalla Norvegia, lo preparavano in modo secco tra le loro provviste durante i viaggi via mare tra le Lofoten e le Americhe. Dal 1500 in poi il baccalà e lo stoccafisso, le due tipicità più conosciute e apprezzate, sono approdate dalle regioni nordiche anche al resto d’Europa, attraverso gli scambi commerciali dell’epoca, giungendo sino in Campania, a Napoli in particolare e nell’area vesuviana, grazie ai commercianti e trasformatori storici del baccalà, che tutt’oggi contribuiscono alla realizzazione dei migliori piatti della tradizione da parte di chef di Napoli e provincia, poi da locali tipici dell’area casertana e delle altre regioni.

La Baccaliata III – con Antonio Ruggiero che racconta “i sapori sospesi”

In quel di Latina, città moderna fondata negli anni ’30 del secolo scorso, a pochi chilometri dal Tirreno, la Baccaliata III continua il progetto della famiglia Ruggiero iniziato a Vairano Scalo nel 2010, con la prima Osteria dedicata esclusivamente alla cucina del nobile prodotto a base di baccalà e, dopo Frosinone nel 2015, i migliori sapori della tradizione campana e del sud confluiscono anche nell’entroterra pontina.

La cucina dell’Osteria del Baccalà della famiglia Ruggiero, già conosciuta e apprezzata con pietanze tipiche a base di baccalà, viene espressa mediante l’utilizzo di notevoli materie prime quali i pomodori del piennolo, le peschiole di Verticelli, l’olio extravergine di alta qualità derivato da cultivar pregiate dell’Alto Casertano e della Campania, la cipolla e l’aglio di Alife, i peperoni cruschi della Basilicata e papaccelle, le paste tradizionali nostrane tra cui la Vesuvio del laboratorio artigianale sito a Teano per “il fil di ferro”, e quant’altro di meglio per contribuire alla riuscita di piatti a tema, abbinati ai migliori vini regionali e nazionali, all’occorrenza con bollicine di pregio.

La Baccaliata III – parte di una sala interna

Ambienti sobri costituiti da una sala principale e altre due minori, cucina visibile, in stile con il progetto delle Osterie del Baccalà di casa Ruggiero, arredi e legno a vista con le pareti decorate a mano che contribuiscono al concept unico, il tutto dedicato alla cucina della tradizione con piatti semplici ma esclusivi e gustosi.

La Baccaliata III – particolare di una parete

La Baccaliata III – la pertica con i prodotti sospesi a vista

Anche in questa occasione, appassionati, amici e gourmet sono giunti a Latina per contribuire a questa nuova iniziativa di Antonio Ruggiero, non sono mancati i curiosi che hanno riposto molta attenzione nel corso dell’evento di inaugurazione del nuovo locale, attratti dalla particolare atmosfera e dai conseguenti profumi speciali che provenivano dalla cucina, poi il clou con gli assaggi a conferma delle bontà anticipate.

La Baccaliata III – Antonio Ruggiero con amici al brindisi

La Baccaliata III – cantina a legno sulla parete

La Baccaliata III – alcuni prodotti classici e “l’Olio Aperitivo”

Il menu è particolare, esclusivamente dedicato alle pietanze di baccalà, in tutte le sue salse, con prezzi adeguati alle materie utilizzate che ben conosciamo, considerando la pregevole presenza di un prodotto oramai divenuto “nobile” e proposto anche nella cucina di chef stellati, seppure in chiave rivisitata.

La Baccaliata III – il menù

Diego Ruggiero, che insieme a Mirko l’altro figlio di Antonio Ruggiero impegnato a Vairano Scalo, si occupa della cucina collaborato dal giovane staff costituito a Latina.

La Baccaliata III – al centro lo chef Diego Ruggiero e parte dello staff di Latina

Classico al pomodoro, in bianco, con papaccelle, alla genovese o con le olive, il baccalà ci piace in tutte le sue sfumature, ogni pietanza ne esprime gusto e profumi diversi, così fresco è in carpaccio o con origano arrecanato, fritto o con il pacchero e pomodori, nel caso al “fil di ferro” con peperoni cruschi, insomma, un elemento che soddisfa da secoli tutti i palati, anche quelli più esigenti che storcono il naso solo a sentirlo nominare, per loro alla fine si trova sempre una soluzione. Evviva il baccalà.

La Baccaliata III – baccalà d’autunno, con zucca e pomodori secchi

La Baccaliata III – baccalà, alla genovese

La Baccaliata III – baccalà, il “mussillo” con olive e peperoni cruschi

La Baccaliata III – baccalà, con aglio sfritto, papaccelle e peschiole

La festa degli assaggi per gli ospiti intervenuti, si inizia con l’aperitivo: noci dell’Alto Casertano e un bicchiere di vino, poi una zuppa di fagioli e baccalà, senza dimenticare il classico fritto, delicato e gustoso, il bianco e il rosso alla mescita sono della Cantina Telaro dell’areale di Roccamonfina, che accompagnano da sempre le bevute in Osteria con la falanghina e un buon aglianico, proposti pure in bottiglia con costi equi.

La Baccaliata III – baccalà con fagioli

La Baccaliata III – bocconi di baccalà fritto

Poi nel finale della serata i riflettori sono tutti rivolti al notevole piatto di “fil di ferro” che ha praticamente sbancato e entusiasmato quanto erano presenti alla degustazione, le immagini lasciano quasi trapelare profumi e sapori di questa vivanda oramai considerata il must delle pietanze create nel tempo da Antonio Ruggiero, divenuto quindi un piatto irrinunciabile da assaggiare nelle sue Osteria del Baccalà.

La Baccaliata III – il fil di ferro viene raccontato agli ospiti

La Baccaliata III – il fil di ferro appena preparato

La Baccaliata III – il fil di ferro portato a tavola

La Baccaliata III – il fil di ferro servito da Antonio Ruggiero

La Baccaliata III – il fil di ferro così com’è

La Baccaliata III – amici e l’immancabile Luciano di Meo salutano Antonio Ruggiero

 

La Baccaliata III – Osteria del Baccalà a Latina

Via Romagnoli 92

 

Franco D’Amico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.